Nuovo sistema di voto per il Consiglio.

Per la prima volta dalla firma del Trattato di Roma nel 1957 il Consiglio, l’organo comunitario che rappresenta i governi, cambierà il sistema di voto adattandolo a quanto previsto dal Trattato di Lisbona. Il Consiglio Affari generali ha dato il via libera definitivo alla novità, che entrerà formalmente in vigore il primo novembre, con una periodo transitorio fino al 31 marzo 2017, durante il quale – su richiesta di un paese – può essere utilizzato il vecchio metodo.

I trattati di Amsterdam e Nizza avevano già modificato il sistema di voto al Consiglio per adeguarlo ai successivi allargamenti dell’Unione europea (UE). Il sistema di ponderazione dei voti è stato soppresso e sostituito da un nuovo sistema a doppia maggioranza.

In precedenza ad ogni singolo Stato veniva attribuito uno specifico “voto ponderato”  ovvero ogni Stato membro disponeva di un certo numero di voti in base al suo peso demografico. Una decisione veniva adottata soltanto se una certa soglia di voto era raggiunta da una maggioranza di Stati membri. Dal 1° gennaio 2007, la maggioranza qualificata si raggiungeva se si ottenevano 255 voti su 345 tra almeno 14 Stati membri. La ponderazione dei voti al Consiglio favoriva la rappresentatività degli Stati membri piccoli rispetto ai grandi ed è stata spesso oggetto di lunghi negoziati.

I quattro paesi più grandi (Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia) avevano identico ‘voto ponderato’ da 29 punti, Spagna e Polonia avevano un voto da 27 punti.

 Con il nuovo sistema per approvare provvedimenti a maggioranza qualificata sarà necessario il ‘sì’ del 55% dei paesi (cioè attualmente almeno 16) in rappresentanza di almeno il 65% della popolazione (circa 328,6 milioni di persone).

  Nel nuovo metodo, basato sul rilevamento demografico, la Germania rappresenta il 15,93% della popolazione europea, la Francia il 12,98%, il Regno Unito il 12,61%, l’Italia l’11,81%, la Spagna il 9,24%, la Polonia il 7,62%. Una minoranza di blocco, oltre a dover rappresentare almeno il 35% dei cittadini dovrà essere costituita da almeno quattro paesi.

Il nuovo sistema di voto a maggioranza qualificata sarà applicato dal 1° novembre 2014.

http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2014/09/29/ue-consiglio-cambia-metodo-di-voto-prima-volta-da-1957_5c546029-6c21-4395-9004-6e4f4ab23ea5.html

http://europa.eu/legislation_summaries/institutional_affairs/treaties/lisbon_treaty/ai0008_it.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...