L’Italia “zoppica” nel settore digitale

Il DESI (Digital Economy and Society Index), nuovo indice europeo che misura il livello di “digitalizzazione” di ogni paese UE, inserisce l’Italia negli ultimi posti della classifica.
L’indice, che tiene conto delle competenze informatiche degli utenti, della diffusione della banda larga, dell’utilizzo di internet, e del livello di digitalizzazione delle imprese e delle pubbliche amministrazioni, decreta per l‘Italia un punteggio di 0,36 nel 2015 che la posiziona al 25° posto della classifica europea prima solo di Grecia, Bulgaria e Romania.

L’Italia si colloca inoltre al di sotto della media Ue che è di 0,47 punti. In particolare, l’Italia ha “il livello di copertura più basso dell’Ue” per quanto riguarda le connessioni internet veloci (solo il 21%) e l’abbonamento a banda larga fissa (appena il 51%). Inoltre anche la percentuale di utenti di internet, e relativi servizi, è abbastanza bassa e si attesta intorno al 59% degli utenti totali, mentre un 31% dichiara di non aver mai utilizzato internet. Sul fronte delle imprese sono stati fatti progressi nell’ultimo anno, ma solo il 5,1% delle pmi usa l’e-commerce, mentre su quello dei servizi pubblici online l’Italia si avvicina alla media europea ma i livelli di utilizzo dell’e-governement sono ancora bassi sia per il loro livello di sviluppo insufficiente sia per la carenza di competenze digitali dei cittadini.

Tutte le performance dell’Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...