Supporto ai Comuni per la progettazione europea

La Provincia di Pisa lavorerà in modo strutturato e sistematico a favore di tutti i Comuni sui nuovi assi di finanziamento comunitari, mettendo a frutto le competenze maturate in questi anni, con un’attività di supporto tecnico e normativo nella gestione dei progetti regionali ed europei.

Il Consiglio Provinciale ha attribuito agli uffici provinciali un ruolo definito sull’intero ciclo di vita del progetto: dalla ricerca dei bandi, all’identificazione della proposta, alla progettazione esecutiva e redazione del budget, alla gestione vera e propria delle azioni del progetto fino alla rendicontazione finale. Un primo banco di prova di questa modalità di collaborazione potrà essere l’importante programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia PO Marittimo 2014-2020 che ha una dotazione finanziaria complessiva di oltre 199 milioni di euro, che si concretizzeranno a breve in sei avvisi, che saranno pubblicati a fine giugno 2015 per un totale di circa 58,5 milioni di euro. Si tratta di una nuova importante opportunità per il territorio e la Provincia offrirà tutta la sua collaborazione per facilitare la formulazione di proposte efficaci e competitive. Gli avvisi riguarderanno il finanziamento delle reti di impresa nei settori dell’economia “blu” e “verde”, le attività di prevenzione del rischio idrogeologico, dell’erosione costiera, dell’insabbiamento dei porti, ma anche la conservazione e lo sviluppo del patrimonio naturale e culturale.

Le sfide di una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva costituiscono i pilastri su cui poggia il documento di programmazione che la giunta toscana ha approvato e che ora dovrà essere sottoposto all’approvazione definitiva della Commissione europea. Il programma coinvolge regioni e province di Italia e Francia: Sardegna, Liguria, e Corsica e le cinque province costiere della Toscana Lucca, Pisa, Massa Carrara, Livorno e Grosseto, cui si aggiungeranno per la prima volta i dipartimenti francesi delle Alpi marittime e del Var (regione Provenza Alpi Costa Azzurra).La Regione Toscanaè l’autorità di gestione del programma.

Il programma 2014-2020, che sarà operativo dopo il passaggio conclusivo in Commissione Ue, costituisce una importante opportunità per l’economia delle nostre coste. A cominciare dalle risorse, che ammontano a poco meno di 200 milioni di euro di finanziamento totale, di cui oltre 29 milioni di cofinanziamento nazionale e 169 milioni dell’Unione europea che lo cofinanzia tramite il Fesr. Queste risorse si aggiungono agli altri strumenti di coesione, con l’obiettivo di contribuire a rafforzare a lungo termine la cooperazione transfrontaliera fra le regioni partecipanti, rendendole più competitive nel contesto dell’Europa mediterranea.

Ecco, in sintesi, i quattro assi attorno a cui si articola il programma:

  1. Promozione della competitività delle imprese per far crescere il tessuto imprenditoriale, caratterizzato da una prevalenza di piccole e medie imprese, dei territori coinvolti. In particolare si guarda a settori come la nautica, la cantieristica navale, il turismo innovativo e sostenibile, le biotecnologie e le energie rinnovabili. Per questo asse è stato attribuito un contributo pari a 41 milioni e 287 mila euro.
  2. Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi ambientali: mira a migliorare le capacità di prevenzione e gestione, da parte delle istituzioni pubbliche, dei rischi collegati ai cambiamenti climatici (erosione costiera, incendi, rischi idrogeologici), come pure al miglioramento della sicurezza in navigazione. Il contributo è pari a 97 milioni e 588 mila euro.
  3. Miglioramento della connessione dei territori e della sostenibilità delle attività portuali: punta all’aumento dell’offerta di trasporto in particolare verso le isole e le zone meno collegate, alla riduzione delle attività inquinanti acustiche e ambientali dei porti. Contributo 30 milioni e 965 mila euro.
  4. Aumento delle opportunità di lavoro: il sostegno all’autoimprenditorialità, alla microimpresa, all’impresa sociale e solidale. Contributo, 17 milioni e 828 mila euro.

Fonte: provincia.pisa.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...