Alfabetizzazione mediatica per tutti. Bando UE per progetti pilota

Siamo noi che usiamo Facebook o è Facebook che usa noi per venderci prodotti?
La comunicazione digitale è davvero uno strumento di democrazia o  è la fine della partecipazione attiva dei cittadini?
Quale è la differenza fra la comunicazione e l’informazione istituzionale e la propaganda?

Con la diffusione sempre più massiccia e pervasiva degli strumenti e delle tecniche di comunicazione digitale, sta cambiando il nostro modo di vivere (il 27% dei giovani dichiara di essere “costantemente connesso” e non è scontato che stia cambiando in meglio.

Di fronte a queste incertezze, la Commissione Europea ha deciso di promuovere dei progetti pilota in materia di “Alfabetizzazione digitale” .
L’obiettivo di questi progetti è quello di sviluppare azioni volte ad aumentare il pensiero critico nei confronti dei media tra i cittadini di tutte le età e per testare la fattibilità e l’utilità di tali azioni.

Il pensiero critico comprende, tra le altre competenze, la capacità di distinguere le informazioni dalla propaganda, di decostruire la comunicazione dei media e di interagire con i social media in modo consapevole.
Solo i cittadini che hanno dimestichezza e comprendono, il funzionamento degli strumenti che utilizzano possono prendere parte alla vita democratica in modo consapevole e proficuo.

I progetti da presentare potrebbero includere:

  • creazione di materiale multilingue on-line e strumenti interattivi per migliorare la capacità dei cittadini di acquisire una comprensione critica dei media e di interagire con essi
  • efficiente diffusione delle migliori pratiche, per esempio attraverso conferenze, laboratori, piattaforme on-line e / o programmi di formazione
  • campagne di social media volti ad aiutare i cittadini di interagire con i nuovi media in modo consapevole
  • ogni altra attività innovativa che possa sviluppare la capacità dei cittadini di  distinguere le informazioni dalla propaganda, di decostruire la comunicazione multimediale o  qualsiasi altro titolo che incentivi il pensiero critico nei confronti dei media.

Il budget complessivo a disposizione del bando è di “soli” 250.000 euro ma vi è spazio per progetti di varia entità.
Il cofinanziamento della Commissione Europea può essere del 75% o dell’80% in base al tipo di budget e rendicontazione che si sceglie

La scadenza per l’invio dei progetti è il 14 ottobre.

Per avere più informazioni consultare la pagina dedicata sul sito della Commissione Europea

Fonte: http://www.informa-giovani.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...